Pittura straniera
INIZIO PAGINA

Rembrandt - autoritratto
 
Jan Vermeer -  Ragazza con orecchino pendente
 
Goya - La Maya desnuda
 
Millet - Angelus
 
W. Turner - Mare
 
G. Courbet - Ragazze in riva alla Senna
 
E. Manet - Colazione sull'erba
 
E. Degas - danzatrici
 
A. Renoir -  Barche sulla Senna ad Asniere
 
Cezanne - Giocatori di carte
 
V. van Gogh - Canera da letto
 
G. Seurat - La Senna
 
P. Serusier - Il talismano
 
H. Matisse - Veduta di Collioure - Hermitage
 
G. Klimt - Il bacio
 
P. Picasso - Les demoiselles d’Avignon
 
Munch - L'urlo
 
Kandisnsky - Linea trasversale
 
Duchamp - Reproduction LHOOQ Monnalisa
 
Marc Chagall - La carrozza volante
 
Pollock - La chiave
 
Christo - Packed Reichstang

XVII e XVIII sec.
OLANDA Pittura di ritratti, paesaggi, nature morte e scene di vita su quadri di formato ridotto
  Pieter Bruegel
(1528-1569)
Il maestro della scuola fiamminga 
  Frans Hals
(1580-1666)
Ritrattista  
  Rembrandt
(1606-1669)
Pittore biblico e di ritratti
  Bartholomeus Van der Helst
(1612-1670)
Ritrattista
  Jan Vermeer
(1632-1675)
Studioso della luce
SPAGNA  
  El greco
(1548-1614)
Formato a Venezia, influenzato dal Tintoretto - colori contrastanti ricchi di bianchi e neri.
  Francisco de Herrera
(1590-1656)
Vigorosa espressività realista
  Diego Velazquez
(1599-1682)
Pittore di dolci madonne e freschi fanciulli
  Francisco Goya
(1746-1828)
Robustezza del colore, vivacità del disegno, schematica incisività dei tratti e dei caratteri
FRANCIA  
Adesione ai princìpi dell’arte degli antichi greci e degli antichi romani
  Jacques Louis David
(1748-1825)
Pitture di storia e mitologia
Maggiore adesione alla realtà sociale del proprio tempo, senza fughe indietro nella storia del passato o nel mondo dei sentimenti e della religione
  J. B. Camille Corot
(1796-1875)
Paesaggista e ritrattista - ricerche di equilibri e di rapporti tonali nella costruzione dell'immagine
  Theodore Rousseau
(1812-1868)
Rappresentazione della materia come è e non come sfondo
  Theodore Gericault
(1791-1824
Pittore, disegnatore e litografo - propone immagini raccapriccianti per scuotere i sentimenti più profondi dell’animo umano
  J. Francois Millet
(1814-1875)
Pittura realista del mondo rurale contadino
INGHILTERRA  
  John Constable
(1776-1837)
Realismo - Pittore paesaggista "en plein air" - acquerelli
  William Turner
(1775-1851)
Grande interprete della pittura di paesaggio romantica
  Richard P. Bonington
(1802-1828)
I suoi paesaggi precorrono l'impressionismo per la freschezza del colore.
 
XIX sec.
ROMANTICISMO Armonia dell’uomo nella natura, sentimento della religione,
rivalutazione dei caratteri nazionali dei popoli, riferimento alle storie del medioevo
  Eugéne Delacroix
(1798-1863)
Pittore romantico - colore denso e acceso
  Gustave Courbet
(1819-1877)
Bella materia pittorica
  Edouard Manet
(1832-1883 )
Sensibilità individuale
IMPRESSIONISMO Analizzando gli effetti dell'atmosfera, della luce, dei riflessi, si propongono di cogliere gli aspetti più fugaci e, tramite la pittura intrisa di luce, sacrificano la forma alla resa di sensazioni luminose
  Claude Monet
(1840-1926)
Il più impressionista: non uscì mai dai confini di questo stile 
  Edgar Degas
(1834-1917)
E' quello che conserva la maggiore originalità e distanza dagli altri - I suoi quadri non propongono mai immagini di evanescente luminosità, ma rimangono ancorati ad una solidità formale assente negli altri pittori
  Camille Pissarro
(1830-1903)
Pur nell'uso di una tecnica impressionista, vi si trovano aspetti di un realismo di cronaca
  P. Auguste Renoir
(1841-1919)
Leggerezza e tono gaio - immagini create dalla luce stessa attraverso mille riflessi e rifrazioni
  Alfred Sisley
(1839-1899)
La personificazione della gaiezza, dell'energia e della fantasia - esplorazione dello stesso paesaggio in condizioni climatiche differenti o da visuali diverse
  Berthe Morisot
(1839-1899)
Allieva e modella di Monet - modo più delicato e garbato di guardare le cose rispetto agli altri impressionisti 
Cercavano di dare corpo a una visione del mondo sempre più
soggettiva
  Paul Gauguin
(1848-1903)
Potenzia il soggetto tramite la suggestione con tecnica a larghe superfici fortemente sottolineate
  Paul Cézanne
(1839-1906)
Riesce a conservare ciò che aveva sacrificato l'impressionismo: la forma e il volume
  Vincent Van Gogh
(1853-1890)
Pittore del colore e del segno rutilante e
drammatico con personalità di visionario e mistico - ampie superfici riempite da forme e colori piatti.
  Toulouse-Lautrec
(1864-1901)
Pittore, disegnatore e grafico - uso della
linea con capacità espressionistica
Divisionisti - impressionismo tramite una scienza esatta riguardante il tocco e il colore, per cui la pittura è rappresentata per tocchi separati da colori puri
  George Seurat
(1859-1891)
Si dedico ai studi e sperimentazioni, ispirati al libro di Cherevruel, riguardo la legge del contrasto dei colori e arrivò alla loro scomposizione
   Paul Signac
(1863-1935)
Sostituì ai puntini più o meno irregolari di Seurat, dei tocchi di colore quadrati, simili alle tessere di un mosaico
Quadri caratterizzati da ampie superfici riempite da forme e colori piatti - cercarono la bidimensionalità, la sintesi formale, la flessuosità della linea, la morbidezza del colore, la suggestione, l'espressione, il simbolo, la deformazione
  Paul Serusier
(1863-1927)
Pittore e scenografo
  Maurice Denis
(1870-1943)
Il teorico del gruppo
  Pierre Bonnard
(1867-1947)
Poetica intima dei sentimenti quotidiani
 
XX sec.
FAUVISMO  Pittura espressiva e decorativa, disegni e composizioni semplificati - colore puro - nuova concezione della prospettiva - accordo dei colori puri per accostamento e per contrasto giungendo ad astrazioni e deformazioni  
  Henri Matisse
(1869-1954)
Usa colori primari stesi con forza e senza alcuna stemperatura tonale - gusto per la decoratività
  George Rouault
(1871-1958)
Il maggior pittore d'arte sacra di epoca moderna
  Fernand Léger
(1881-1955)
Lavoro' alla scomposizione meccanica dei corpi e delle cose che riflettevano il suo interesse per la civiltà industriale e il mondo del lavoro
LIBERTY o
ART NUVEAU
 
Estetismo cerebrale e sensuale, pittura densa di sottintesi
letterali e simbolici - nato come stile decorativo - linee curve e ondulate ispirate al mondo vegetale
  Gustave Klimt
(1862-1918)
Descrive un mondo isterico-erotico di nudi intrappolati in brillanti, fantastici fondali
CUBISMO Riduce le forme naturali entro forme geometriche creando opere
compositive, plastiche e psicologiche
  Pablo Picasso
(1881-1973)
"Periodo blu": visione della vita quotidiana
drammatica e dolente nello stile dai contorni tesi e spigolosi delle figure; "Periodo rosa": una visione più ottimista del mondo;
Cubismo: utilizza un tratto sintetico e sinuoso simile a un arabesco, che lo porta a soluzioni vicine al surrealismo
  George Braque
(1882-1963)
Dopo una prima fase di cubismo analitico passò a quello sintetico - abbinamento del colore a diverse materie
ESPRESSIONISMO Tendenza ad esprimere la realtà tramite sensazioni ed emozioni
soggettive
  Egon Schiele
(1890-1918)
Spinse fino a livelli drammatici l’erotismo moderato di Klimt
  Oskar Kokoschka
(1886-1980)
Reinterpreta l’impressionismo in una nuova chiave moderna
  Edvard Munch
(1863-1944)
Emozioni intense - colori violenti - visione della vita permeata dall’attesa angosciosa della morte
ASTRATTISMO Abbandono della rappresentazione reale per centrare l'espressione su visioni di forma e struttura libera e fantastica
  Vassilij Kandinskij
(1866-1944)
Pittore e teorico dell'arte russa - sostiene che la pittura deve essere sempre più simile alla musica e che i colori devono sempre più assimilarsi ai suoni
  Paul Klee
(1879-1940)
I segni e i colori hanno libertà di evocazione e rappresentazione - pittura che rappresenta liberamente il mondo delle forme e delle idee
  Robert Delaunay
(1885-1941)
Pittore e scenografo
  Kazimir Malevich
(1878-1935) 
Artista russo esponente del "suprematismo"
  Piet Mondrian
(1872-1944)
Colori elementari - una tela, quindi una superficie piana, deve contenere solo elementi piani - abolì tutte le linee curve a favore di linee rette
DADAISMO Ironizza sui valori costituiti della cultura ed esalta l'idea di primitivismo, spontaneità creativa ed irrazionale
  Jean Arp
(1886-1966)
Pittore e scultore - legni dipinti o scolpiti - collages - forme arrotondate semplici che richiamano una morfologia embrionale
  Max Ernst
(1891-1976)
Utilizza anche collages e frottages
  Marcel Duchamp
(1887-1968)
Pratica l’anormalità intesa come rifiuto di qualsiasi norma, sia nell'arte che nella vita - gusto della provocazione - invenzione dei «ready-made»
SURREALISMO Forza visionaria
  René Magritte
(1898-1967)
Vuole svelare i lati misteriosi dell’universo - stile da illustratore, di evidenza quasi infantile
  Jean Mirò
(1893-1983)
Pittore e scultore - linguaggio surreale poeticamente semplificato - trionfo fantastico del colore puro in una gioiosa libertà formale
  Henri Rousseau
il doganiere
(1844-1910) 
Il più personale e il più autentico dei naif della pittura moderna - raffigurazioni vivide e lussureggianti della giungla
  Marc Chagall
(1887-1985)
Pittore, scultore e scenografo
  Salvador Dalì
(1904-1989)
Metodo paranoico-critico - artista eccentrico, originale e a volte delirante
POP ART Movimento anglo-americano - immagini di vita urbana quotidiana e mass media (fumetti, pubblicità)
  Andy Warhol
(1930-1987)
Immagini prodotte dalla cultura di massa americana
INFORMALE Corrente degli anni '30 contraria a qualsiasi forma
Action panting
Jackson Pollock
(1912-1956)
Tecnica del «dripping»
Informale materico
Jean Fautrier
(1898-1964)
Pittore e illustratore francese
CONCETTUALE Arte che fa a meno delle "opere d'arte"
  Joseph Beuys
(1921-1986)
Fonde in maniera totale la sua esistenza con il suo essere artista
  Christo
(1935)
Creazione di temporanei oggetti belli e su grande scala - impacchettamenti 

 

a cura di Carmen Cammarota
Cliccare sui Generi o sugli Artisti per saperne di più